COME PULIRE CON HO'OPONOPONO? CON CALMA MA SENZA SOSTA.

Aloha: riconosco la Vita e il Divino che è in Te!

Il dr Hew Len, così come Morrnah Nalamaku Simeona, hanno sempre sottolineato, questo è vero, che la pulizia con Ho'oponopono deve essere senza sosta. Basta ripetere "Ti Amo", piuttosto che uno qualsiasi dei 4 mantra (Mi Dispiace, Perdonami, Grazie) piuttosto che il nome di uno strumento (per esempio "goccia di rugiada"), piuttosto che una delle preghiere che abbiamo imparato a memoria (se ce n'è una), o magari si ha il tempo per aprire il cellulare o il quaderno dove le abbiamo segnate e ne scegliamo una da leggere...ogni volta che ci ricordiamo o che avvertiamo o sentiamo di dover pulire. O, sarebbe meglio, di voler pulire.

Questo è il "senza sosta". Esattamente come ci dice Goethe, che lo stesso dr Hew Len cita. Ma....attenzione ⚠ Evitiamo di confonderci pensando che se puliamo senza sosta e lo facciamo più in fretta, finiremo prima.

Pulire le memorie indesiderate e i programmi negativi prodotti da tali memorie, risolvendo i problemi da essi manifestati, è qualcosa di ben diverso dalle faccende di casa che, prima o poi, ci toccherà di fare, quindi prima le facciamo e meglio è. 

Pulire, per Ho'oponopono, significa correggere gli errori che continuiamo a commettere quotidianamente perché tali memorie vengono riproposte continuamente da parte dell'inconscio collettivo. Pulire, per Ho'oponopono, è il motivo per cui siamo qui, in questa esistenza soprattutto tridimensionale, che solo di recente sta acquisendo la consapevolezza che esistono dimensioni superiori. 

Ma allora, se continuiamo a richiamare memorie indesiderate, a far partire i conseguenti programmi negativi e a manifestare i relativi problemi, a cosa serve pulire, quand'è che smetteremo...????

Smetteremo quando saremo in tanti ad agire un processo di pentimento, perdono e Amore, sul quale si basa non solo Ho'oponopono, ma anche qualsiasi altro sistema spirituale.

In Ho'oponopono il pentimento corrisponde al prendersi al 100% la responsabilità di richiamare le memorie indesiderate e far ripartire i programmi negativi che manifestano quelli che noi chiamiamo "problemi", che altro non sono che le vie più lunghe e tortuose per creare realtà migliori. 

La fase del perdono è la fase successiva in cui è necessario perdonarci per questo, riconoscendo la nostra umanità e il nostro comune desiderio di stare meglio, basato su ciò crediamo in quel momento. 

La fase dell'Amore è naturalmente conseguente a quella del perdono, perché la parte più espansa di noi, il nostro Sé Superiore (costantemente connesso a Dio, alla Divinità, all'Intelligenza Universale, alla Sorgente - chiamatela come volete) che non ha bisogno di perdonare nessuno perché continua ad amarci incondizionatamente in ogni istante della nostra esistenza, aspetta solo il momento in cui noi siamo disposti ad accettare quell'Amore. 

E quell'Amore lo accettiamo solo nel momento in cui ci siamo perdonati e abbiamo perdonato, accettando la natura fallace dell'Essere Umano ma accettando anche la grandezza del nostro Sé Superiore, che fa parte dell'Essere Umano stesso e che è in grado di produrre "miracoli". Quindi, accettando la nostra parte divina, l'Essere Divino che è in ciascuno di noi.

In conclusione, pulire con Ho'oponopono significa togliere di mezzo tutte le schifezze e ritrovare la nostra autentica e vera Essenza d'Amore. Sicché ciascuno di noi sperimenterà una vita piena d'Amore, a prescindere da ciò che succede intorno e a patto di continuare a pulire. Finché arriveremo ad un punto in cui saremo in tanti a farlo. E smetteremo di pulire, producendo solo Amore. Quella sarà una nuova meravigliosa dimensione in cui la nostra vibrazione sarà differente. Basterà un pensiero a creare la migliore versione di qualsiasi cosa. 

Chi vorrà raggiungerci dovrà impegnarsi a pulire, come abbiamo fatto noi.

Nel frattempo continuiamo a pulire...ma con calma, vi prego, con calma. Ne abbiamo di tempo. La cosa importante è continuare, senza sosta. Ogni volta che c'è un'occasione, ogni volta che ce lo ricordiamo. Perché le memorie indesiderate si continuano a produrre e continuiamo a produrle anche noi. Per adesso, è inevitabile. 

Ma, se passiamo più tempo a pulire, passeremo meno tempo a richiamare memorie indesiderate.

E facciamolo con calma, anche perché altrimenti funziona poco o nulla. Puliamo e rimaniamo sempre con quella voglia di aspettare ciò che succede, in conseguenza della nostra pulizia. Ad osservare. A contemplare. A cogliere il miracolo. 

In questo modo affronteremo le difficoltà in maniera già differente. Più centrati nella nostra I-dentità del Sé, più lucidi, meno coinvolti. E le soluzioni arriveranno. E porteranno con sé la Gratitudine - altro pilastro fondamentale di Ho'oponopono  - la meraviglia e la gioia.

《I ringraziamenti sono la più alta forma di pensiero e la gratitudine è la felicità raddoppiata dalla meraviglia.》G. K. Chesterton 

La Fonte dell'Amore Riempia il Mio Essere di Pura Luce e si Propaghi nella Mia Interiorità, Guarendo la Mia Realtà Manifesta. Ed è fatto. 

Mi Dispiace, Perdonami, Grazie, Ti Amo 🙏🌅🌺🌸🌴🌞🌊 Pace Oltre Ogni Comprensione, Pace dell'Io.


Commenti

Post popolari in questo blog

GLI STRUMENTI DI HO'OPONOPONO (seconda parte)

GLI STRUMENTI DI HO'OPONOPONO (terza parte)

PRECISAZIONE SULL'USO DEGLI STRUMENTI DI HO'OPONOPONO (seconda parte)