Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2020

SPEGNERE LA MIA MENTE PER TROVARE LA MIA PACE.

Immagine
Aloha: riconosco la Vita e il Divino che è in Te! Tra i più grandi maestri illuminati dei nostri giorni, troviamo Eckhart Tolle . Il suo libro più famoso e più intrigante, oltre che per certi versi più inquietante, è IL POTERE DI ADESSO . In questo libro, Tolle "racconta" come la sua mente si sia "spenta" in risposta alla sua disperata richiesta di vivere finalmente in maniera dignitosa la propria esistenza come essere spirituale. O, in alternativa all'insuccesso, di morire: la sua "anima", arrivata a questo bivio, avrebbe potuto espandersi oppure implodere o esplodere. Vi prego, se qualcuno dei lettori, non conoscendo Tolle, sta pensando ad una sua precoce demenza, si astenga subito dal continuare a pensarlo.  La demenza si rischia seriamente lasciando la mente "accesa". Nei termini di Ho'oponopono, quando scrivo "la mente " mi riferisco alla Mente Conscia (Uhane) che viene sopraffatta dalla Mente Subconscia (Unihipili): rico

OGNUNO VEDE NEL MONDO CIÒ CHE PORTA NEL SUO CUORE (GOETHE): IKE, LA FREQUENZA ENERGETICA DEI NOSTRI SOGNI.

Immagine
Aloha: riconosco la Vita e il Divino che è in Te! La sapienza Huna, nel primo dei suoi 7 principi, IKE , sostiene: IL MONDO È COME PENSI CHE SIA - tutto è sogno, i sistemi sono arbitrari. C'è quindi, lo ammetterete, una corrispondenza totale con il pensiero espreso dal grande Johann Wolfgang von Goethe. Mai come in questo momento, la separazione tra coloro che accettano un sistema arbitrariamente imposto, per diverse ragioni, e coloro che riacquistano la consapevolezza del "sogno" come produzione di ciascuna delle nostre realtà personali, cioè ciò che portiamo nel nostro cuore , è così netta. Ma allora, quando possiamo condividere il nostro sogno con altre persone, visto che per noi è così importante? Condividiamo i nostri sogni quando le frequenze delle loro energie corrispondono tra di loro, a qualunque frequenza si trovino. Ovviamente, quanto è più elevata la frequenza di ciascun sogno, quanto più si avvicina all'onda cosmica dell'Energia Universale che noi chi

SE RIPULIAMO LE SOLITE, VECCHIE MEMORIE, IL "CAMPO" CI RICOMPENSA CON I MIRACOLI.

Immagine
Aloha: riconosco la Vita e il Divino che è in Te! Oggi scrivo di Ho'oponopono partendo da una prospettiva quantistica, o quantica, e cito il dr Joe Dispenza : <<Per riuscire a curare la vostra vita è necessario andare oltre le memorie e le emozioni della vostra vita attuale, della vostra vita in questo momento, in modo da costruire un campo elettromagnetico (o quantico) personale. Cioè decostruire quello che stiamo emettendo, in termini di energia, quindi pensieri, emozioni, sensazioni, sentimenti e costruirne uno nuovo, un nuovo campo elettromagnetico tutto nostro, che ci permetterà di guarire la nostra vita e di andare finalmente nella direzione della vita che intimamente desideriamo.>> Cioè quella più vicina a ciò che siamo veramente, all'IO SONO. Per campo elettromagnetico "tutto nostro" si intende un campo "creato da noi", scelto da noi per noi. Con tutto nostro non si intende "solo per noi". Perché è impossibile.

QUANDO CAMBI IL MODO DI GUARDARE LE COSE...

Immagine
Aloha: riconosco la Vita e il Divino che è in Te! ... LE COSE CHE GUARDI CAMBIANO . Per finire la frase. È la traduzione dall'inglese di una celebre frase che il celebre e compianto autore, il dr Wayne Dyer , soleva ripetere citando, se non erro, l'ancor piu celebre Lao Tzu o Lao Tsé, filosofo cinese del VI secolo a.c., che scrisse il Tao Te Ching, breve opera di poco più di 5000 parole in cui racchiuse tutta la sua saggezza: "When you change the way you look at things, the things you look at change." Una cara amica-sorella, con la quale condivido il percorso di pulizia attraverso Ho'oponopono, proprio grazie ad un cambio di "modo" o "prospettiva" da cui guardare le cose , ha risolto il suo problema ed ha citato proprio il dr Dyer nel messaggio che poi mi ha scritto.  Sta finendo il corso universitario di psicologia e le mancano solo 4 esami. Siccome è fuori corso (lavoratrice-mamma-nonna), l'esame che avrebbe dovuto fare in forma scritta l