IL BAMBINO INTERIORE e L'I-DENTITÀ DEL SÉ

 Aloha: riconosco la Vita e il Divino che è in Te! 

A small swim for a Tiger Throw Pillow by Johanna Tarkela

Chi rappresenta il nostro Bambino Interiore

All'interno della Trinità dell'Io Sono (l'I-dentità del Sé attraverso Ho'oponopono: Unihiphili, Mente Subconscia + Uhane, Mente Conscia + Aumakua, Mente Superconscia o Sé Superiore) il Bambino Interiore corrisponde a Unihiphili, al Figlio. Mentre Uhane alla Madre e Aumakua al Padre.

Il Bambino Interiore è la parte di noi che "subisce" letteralmente le conseguenze delle decisioni e delle azioni della Madre. Queste si rivelano talvolta insensate se non pericolose per via dell'ego, che condiziona la Mente Conscia, la Madre. 

Come spesso abbiamo detto, l'ego è un'entità virtuale che si crea tra la Mente Subconscia e la Mente Conscia,  non appartenendo a nessuna delle due. La Mente Subconscia e quella parte della nostra I-dentità che sente e percepisce le sensazioni come la paura, la sconfitta, il fallimento e tutte quelle memorie  indesiderate che condizionano il nostro agire.  Ma è in grado di percepire anche tutte le sensazioni positive che corrispondono all'Amore, alla condivisione, alla fratellanza, alla compassione. E c'è una sensazione più importante di tutte le altre, che è la Gioia e la nostra Mente Subconscia, cioè il nostro Bambino Interiore, nasce con questa sensazione già impressa. 

Sìcché tutte le altre sensazioni positive vengono riconosciute all'istante e costituiscono le aspettative del nostro Bambino Interiore. 

Quando l'illusione della separazione, che si porta dietro tutte le altre emozioni e sensazioni negative, si insinua nella nostra I-dentità del Sé (rappresentata dalla allineamento dei tre Sé),  come requisito necessario per esistere in questa terza dimensione della creazione, si crea anche l'ego.  

Quindi l'ego altro non è  che il luogo virtuale in cui si accumulano tutte le emozioni e le sensazioni negative derivanti dall'illusione della separazione, tutte, sia dalla Mente Subconscia che della Mente Conscia.  Ma, mentre la Mente Conscia è la sede dell'intelletto, della capacità di classificare, di scegliere e, in parte, di decidere, la Mente Subconscia, il nostro Bambino Interiore, può provare solo la paura e la separazione che non fanno parte del suo imprinting Gioioso. E così inizia la sofferenza. Unihipili, Bambino Interiore o Mente Subconscia comprende solo il linguaggio delle emozioni e delle sensazioni che le generano: per il Bambino Interiore le parole significano molto poco o proprio nulla, soprattutto se non generano una sensazione. Corrisponde, per gran parte, al nostro cervello rettile, che controlla tutte le funzionalità fisiologiche e l'ambiente che ci circonda, in modo da intercettare pericoli e garantire la sopravvivenza. Ma dipende anche dallo stato e dai pensieri che si generano nella Mente Conscia, perché tiene sott'occhio anche quelli. E la Mente Conscia genera pensieri in base alle sensazioni della Mente Subconscia. Questo è il modo in cui sono interconnesse.

Le sensazioni del cervello rettile (la pancia) danno origine alle emozioni della Mente Conscia, costituita dal cervello nuovo  + il cervello delle emozioni. 

Quando la mia Mente Subconscia "sente" la felicità, allora la mia Mente Conscia "prova" la felicità e la estende a tutto il proprio Essere: è questo il momento in cui Aumakua riconosce l'allineamento dei tre Sé. Ed è a questo punto che il Ben-Essere che avevamo deciso di provare il più possibile in questa dimensione diviene Realtà Tangibile e i "Miracoli" cominciano a manifestarsi nella nostra esistenza. 

Ma quando la Mente Conscia smette di occuparsi della sofferenza  della Mente Subconscia, che è anche la sua  sofferenza,  cercando di dare una serie di  spiegazioni ed interpretazioni che purtroppo si rivelano aberranti, dimenticandosi della propria connessione, e della connessione della Mente Subconscia, con la Mente Superconscia,  il se Superiore, Aumakua, il Padre, sempre connesso con la Divinità, allora la nostra vita si complica davvero.

L'I-dentità del Sé non viene più riconosciuta come identità,  interezza, totale allineamento.  Riconoscere la sofferenza della propria Mente Subconscia, chiederle perdono, chiederle di iniziare la pulizia, riconnettendosi con la Mente Superconscia serve a ristabilire l'I-dentità del Sé. E rappresenta la soluzione, a volte immediata, a volte lenta ma inesorabile, di tutti i problemi.

PREGHIERA AL BAMBINO INTERIORE

(Unihipili)

Bambino Interiore lascia andare tutti questi dolori che rimangono nel mio corpo, nella mia anima, nelle persone e nelle situazioni coinvolte, nei miei antenati e nella Madre Terra tutta, come anche in tutti gli oggetti inanimati. Non so quali siano queste memorie, invece tu sì che le conosci ed è per questo che, insieme, possiamo chiedere alla Divinità che le liberi.

Ti chiedo il permesso per abbracciarti dolcemente e ti ringrazio per essere parte di me.

Mi Dispiace, Perdonami, Grazie, Ti Amo.

Stacco, rilascio e confido. 

Ti Amo 

Grazie 

Hawaii 

👼👼🏻👼🏼👼🏽❄️🧹🌿🍚🌅🌍🙌🏻✨🌸🌺🌊🌈☀️💖

Pace Oltre Ogni Comprensione, Pace Dell'Io.


Disclaimer sull'uso di Ho'oponopono, affinché TUTTI possano riconoscerne i risultati. Ho'oponopono funziona con tutti ma non è per tutti.


La pratica di Ho'oponopono consiste in un processo di PENTIMENTO, PERDONO E TRASMUTAZIONE, relativo a memorie di pensieri e conseguenti creazioni indesiderate.

PENTIMENTO: accettazione del nostro potere e della nostra capacità di creazione attraverso i pensieri. Ci si prende la responsabilità al 100% di aver creato realtà indesiderate, senza colpa, ma inconsapevolmente. Creiamo con la Mente Subconscia e dirigiamo la creazione con la Mente Conscia. 

PERDONO: perdoniamo la nostra Mente Conscia e la nostra Mente Subconscia, la prima per aver diretto erroneamente la creazione e la seconda per aver creato in base alle paure.

TRASMUTAZIONE: operazione alchemica attuata dalla Divinità attraverso la nostra parte più espansa, la Mente Superconscia, connessa costantemente con la Divinità stessa. Avviene attraverso l'accettazione del nostro Potere: il potere della Mente Conscia di attivare la richiesta di pulizia delle memorie coinvolgendo amorevolmente la Mente Subconscia; il potere della Mente Subconscia di riconoscere le memorie da cancellare e presentarle alla Mente Superconscia; il potere della Mente Superconscia di liberare tali memorie e consentirne l'immediata trasmutazione. 


IMPORTANTE: L'utilizzo di qualsiasi strumento di Ho'oponopono (le frasi Grazie, Ti Amo, Mi Dispiace, Perdonami, lo strumento Goccia di rugiada e ogni altro strumento) deve essere operato PRIMA SU SE STESSI, per pulire la propria esperienza di questa vita e delle vite passate sulle persone e le situazioni coinvolte nelle memorie. QUINDI, SUBITO DOPO, se lo si ritiene ancora necessario, su quelle persone e quelle situazioni.

Commenti

Post popolari in questo blog

QUANDO CAMBI IL MODO DI GUARDARE LE COSE...

PRECISAZIONE SULL'USO DEGLI STRUMENTI DI HO'OPONOPONO (seconda parte)

GLI STRUMENTI DI HO'OPONOPONO (seconda parte)